Anticamera: Quanto tutto divenne verde (Prologo a “Zeitgeist Hotel: Ciclo Uno”)

Estratto

[…]

«Gli sono già spuntate le fauci,» disse lei, in un sospiro, dopo un lungo silenzio. Parlava col tono di una madre che si ritrovava ad ammettere che i suoi bambini stavano crescendo, lasciandola sola, tra l’orgoglio e lo sconforto.

«E… e ti ha morso?»

Fathima scosse la testa nel fango.

«Non mordono. Non lo fanno mai, non è la loro natura.»

Il mucchietto di terra vibrò di nuovo. Un debole vagito strisciò dalle profondità della piccola tomba, crescendo in un pianto isterico man mano che saliva verso la superficie. Fathima si girò e guardò la tomba con la coda dell’occhio, prima di ridargli le spalle.

«Forse possiamo ancora tirarlo fuori da lì,» disse Inzani, cercando di mantenere un tono calmo. «Che ne dici, eh? Possiamo ancora risolvere tutto e tornarcene a casa»

«No, Carlo. Non è… non è una buona idea,» disse stringendosi ancora di più le ginocchia al petto.

[…]

Link:

“Quando tutto divenne verde” (PDF)

”Quando tutto divenne verde” (ePub)

Prossima Settimana: “Qualcosa è Andato Orribilmente Storto (Parte 1)

Annunci

Un pensiero su “Anticamera: Quanto tutto divenne verde (Prologo a “Zeitgeist Hotel: Ciclo Uno”)

  1. Pingback: ”Ultimo Trip di un Don Giovanni Perbene” : Capitolo 1 – Nessuna Improvvisazione « Zeitgeist Hotel

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...